Home
Chi Siamo
Cosa Crediamo
Messaggio
 
 

La Chiesa di Dio (Settimo Giorno) si sforza di portare a compimento la Grande Commissione di fare discepoli del Signore Gesù Cristo tra le persone, per mezzo dell’evangelizzazione e dell'istruzione nella Parola di Dio. Per aiutare la Chiesa in questo compito, il Consiglio Ministeriale Nordamericano, comprendente il corpo ministeriale della Chiesa, ha adottato i dodici articoli di fede-credenze contenuti in questo opuscolo per presentare l'insegnamento e la pratica della Chiesa. Mentre la Chiesa ha mantenuto sempre un credo aperto, questi articoli conservano la sua eredità teologica e presentano la sua ultima e migliore comprensione delle Sacre Scritture.

*****

1. La Sacra Bibbia

La Bibbia, comprendente l’Antico e il Nuovo Testamento, è l’ispirata Parola di Dio. Inerrante nei suoi scritti originali, la Bibbia è l’unica autorevole ed infallibile regola di fede e di condotta per l’umanità. 

[ 2 Timoteo 3:15-17; Giovanni 5:39; Luca 24:44; Romani 15:4; 2 Pietro 1:19-21; Giovanni 17:17; 1 Pietro 1:24, 25; Apocalisse 22:18,19 ]

 

2. La Deità

La sovrana Deità dell’universo è Dio Onnipotente, che deve essere adorato in spirito e verità. Egli è l’eterno, infinito, santo ed auto-esistente Spirito che ha creato, sostiene, regola, redime e giudica la Sua creazione. Egli è uno in natura, essenza ed essere. Dio è rivelato nella Scrittura come Padre e Figlio.

Dio il Padre

Dio il Padre, da cui sono tutte le cose, che nessuno ha visto nÚ può vedere, regna nei cieli e trascende la nostra completa conoscenza. Egli è rivelato come nostro Padre celeste dal Figlio Suo, il Signore Gesù Cristo. Alla fine, Dio il Padre restaurerà perfetta armonia in tutta la creazione per mezzo di Cristo e regnerà eternamente sui redenti.

[ Genesi 1:1; Atti 17:24, 25, 30, 31; Genesi 17:1, 2; Esodo 20:1-17; Ebrei 1:1-3; 1 Corinti 15:24-28; Apocalisse 19:6 ]

Gesù il Figlio

Gesù Cristo è il solo Unigenito Figlio di Dio. In quanto generato, non creato, Egli condivide la natura, i nomi e gli attributi di Dio con il Padre. Quale Figlio, non Padre, Gesù è subordinato al Padre Suo, nel rango. Dall’eternità, il Figlio è stato con il Padre, condividendo la Gloria del Padre quale Parola pre-incarnata, e con Lui ha creato e sostiene tutte le cose. Gesù il Cristo (Messia), è nato dalla vergine Maria per il potere dello Spirito Santo, unendo perciò le due nature – la umana e la divina. Gesù è vissuto senza peccato, morý come sacrificio di riscatto per il peccato, fu sepolto per tre giorni e tre notti, risuscitò corporalmente ed ascese al Padre Suo per servire quale mediatore e sommo sacerdote. Egli regna come Signore nei cieli e ritornerà sulla terra come giudice e re. Ora il Padre si compiace che il Figlio sia preminente in tutte le cose e riceva la nostra adorazione.

[ Giovanni 1:18; 1:1-3; 3:16; 17:5; Matteo 1:21; 12:40; Luca 1:26-35; 24:51; Filippesi 2:5-11; 1 Timoteo 2:5; Atti 2:36 ]

Lo Spirito Santo

Lo Spirito Santo è il promesso divino aiutante che procede dal Padre e dal Figlio. Lo Spirito è la presenza e il potere di Dio nel mondo e che riempie i credenti. Per mezzo dello Spirito Santo, Dio ha ispirato le Scritture e le illumina; convince e rigenera i peccatori; santifica, insegna, conforta, guida e preserva i credenti; e li riveste di potenza per il servizio. L’evidenza dello Spirito Santo nella vita dei credenti è la fede in Cristo, l’obbedienza a Dio e il frutto spirituale dell’amore.

 [ Giovanni 14:16-18, 26; 15:26; 16:7-14; 3:5; Atti 1:5, 8; Efesini 5:18; Galati 5:22, 23; 1 Corinti 12:3-11, 13; Luca 11:13; Atti 5:32 ]

 

3. L’Uomo, Satana, il Peccato e la Morte

L’umanità è stata creata ad immagine di Dio: senza peccato, sebbene non immortale per sua natura. A causa della disobbedienza di Adamo ed Eva, tutti gli esseri umani divennero peccatori per natura e scelta. La penalità per il nostro peccato è la separazione da Dio, la morte fisica e, alla fine, la morte eterna per coloro che non ricevono la salvezza offerta da Cristo. Fu Satana, l’avversario di Dio, che ha tentato i nostri progenitori nel giardino. Il Diavolo è ancora capace di trasformare se stesso in angelo di luce, ma alla fine sarà distrutto nello stagno di fuoco. 

[ Genesi 1:26, 27, 31; 3:1-19; Romani 3:23; 5:12-19; 8:19-23; Ecclesiaste 9:5, 6; 12:7; Salmi 146:3, 4; Giovanni 11:11-14; Atti 2:29-35; Ebrei 11:13, 39, 40; 1 Corinzi 15:51-53; 1 Pietro 5:8, 9; Efesini 6:11, 12; 2 Corinzi 11:14; Giovanni 8:44; Giacomo 4:7; Apocalisse 20:10;]

 

4. L’uomo, la Salvezza e la Vita

L’umanità peccatrice può essere salvata dalla penalità della morte eterna e ricevere invece la vita eterna, solamente per grazia di Dio mediante la fede in Gesù Cristo, senza meriti umani, opere o cerimonie. Il Riscatto per i peccati, con la sua prevista promessa di vita eterna, avviene tramite la morte e resurrezione di Cristo per noi ed è ricevuta nell’esperienza umana per mezzo della fede e del ravvedimento.

[ Giovanni 3:16-18; 2 Pietro 3:9; 1 Pietro 1:18, 19; 2:21-24; Romani 3:23-25; 5:1, 6-11; Ebrei 4:15; Colossesi 1:20-23; Atti 4:12 ;Ebrei 11:6; Atti 16:31; 2:38; 1 Giovanni 1:9; Romani 10:9, 10; Matteo 5:23, 24; 2 Corinzi 5:17; 1 Giovanni 2:6; Galati 5:6b ]

 

5. La Chiesa

La Chiesa di Dio, nella Scrittura, è un corpo spirituale di credenti che ritiene la fede di Gesù e i comandamenti di Dio. Sotto la signoria di Cristo e l’autorità della Sua Parola, la Chiesa esiste universalmente e localmente per il proposito di adorare Dio, predicare l’Evangelo, nutrire i credenti, e servire l’umanità. I cristiani dovrebbero partecipare alla missione della Chiesa per mezzo del servizio agli altri e della comunione con i credenti.

[ Matteo 16:18; Colossesi 1:18; Efesini 5:25-33; 1 Corinzi 1:2; Atti 6:1-7; 1 Timoteo 3:1-13; Tito 1:5; Atti 20:28; Apocalisse 12:17 ]

 

6. Ordinanze Cristiane

Cristo prescrive due ordinanze che confermano la fede in Lui: 1) il Battesimo, preceduto da una confessione di fede in Cristo e dal ravvedimento, che simboleggia l’iniziale unione del credente con Cristo morendo ai peccati, con il seppellimento (immersione) in acqua, e risorgendo a nuova vita; e 2) la Cena del Signore, un memoriale annuale della morte di Cristo, nella quale i credenti mangiano il pane e bevono dalla coppa, i simboli del Suo corpo e del Suo sangue. Noi estendiamo l’amore fraterno verso coloro che possono osservarla in altri tempi. Questo servizio di Comunione dimostra la nostra comunione con il nostro Salvatore fino a quando viene di nuovo. Esso è accompagnato dal Lavacro dei piedi. 

[ Romani 6:1-6; Atti 2:38; 8:35-39; 16:30-34; 1 Pietro 3:21; Matteo 3:13-17; 28:18-20; Matteo 26:17-19, 26-29; Marco 14:22-25; Luca 22:19, 20; 1 Corinzi 10:16, 17; 11:23-26; Giovanni 13:1-17]

 

7. I Dieci Comandamenti

I Dieci Comandamenti furono conosciuti e obbediti dal popolo dei fedeli da prima che la Legge fosse data al Sinai. Più tardi, incorporati nel Nuovo Patto dall’esempio e dall’insegnamento di Cristo, essi costituiscono il codice morale basilare per l’umanità e sono ubbiditi per dimostrare l’amore dei credenti verso Dio e il loro prossimo.

[Esodo 20:1-17; 31:18; Genesi 26:5; Giovanni 15:10; Matteo 19:16-19; Ebrei 8:10; 1 Giovanni 3:4; 5:2, 3; Giacomo 2:10-12 ]

 

8. Il Sabato

Il Sabato nel Settimo Giorno, è il dono di Dio all’umanità fin dalla creazione, fu scritto nei Dieci Comandamenti dal dito di Dio, osservati e  insegnati Da Gesù, e osservati dalla Chiesa Apostolica. Quale memoriale, sia della creazione che della redenzione, il Sabato dovrebbe essere fedelmente celebrato dai credenti ora come giorno di riposo, di adorazione e di buon operare.

[ Genesi 2:1-3; Esodo 20:8-11; Luca 4:16; Atti 13:14, 42, 44; 16:13; 18:4, 11; Levitico 23:32; Marco 2:27, 28; Matteo 12:12; Ebrei 4:4-10; Isaia 56:1-8; 58:13, 14 ]

 

9. Il Matrimonio

Il matrimonio è un’istituzione di Dio ed è un’unione esclusiva, durevole per tutta la vita, tra un uomo ed una donna, per il proposito di perpetuare l’umanità e arricchire l’esperienza umana. Riflettendo la relazione tra Cristo e la Sua Chiesa, il matrimonio può essere interrotto solo per immoralità sessuale. Come il Sabato, il matrimonio ha origine nella settimana creativa, è intrinseca alla legge morale, è riformato dall’insegnamento di Cristo, e trova il suo finale significato al Suo ritorno.

[ Genesi 2:18-25; Matteo 5:31, 32; 19:4-9; Marco 10:2-12; Luca 16:18; Romani 7:1-3; Efesini 5:22-33; 1 Corinzi 7:10-16, 39 ]

 

10. La Vita Cristiana

I Cristiani sono chiamati alla santità di pensiero, parola e opere, e ad esprimere fede in Cristo con la devozione a Dio e la devota interazione con gli altri. Come risultato – non come causa – della redenzione, i credenti dovrebbero, 1) sviluppare la relazione con Dio mediante la lettura e lo studio della Bibbia, la preghiera, il digiuno, l’adorazione e l’obbedienza; 2) far fronte alle necessità spirituali e fisiche dell’umanità mediante la compassionevole azione sociale e la testimonianza dell’Evangelo; 3) opporsi all’orgoglio, l’invidia, all’indolenza, alla lussuria, alla liceità, e ad ogni altro male dello spirito; 4) rifiutare divertimenti e pratiche immorali quali la pornografia, l’immoralità sessuale, e l’omosessualità carnale; e 5) osservare questi principi della Bibbia: dare la decima e libere offerte per il sostegno della Chiesa e il suo ministero evangelico; usare come cibo solo le carni che la Bibbia descrive come “pure”; guardarsi dalla partecipazione alle guerre fisiche, quale cosa contraria alla chiamata umanitaria dei Cristiani; evitare di mischiare pratiche cristiane con pratiche extra bibliche come la religiosa osservanza della Domenica, del Natale, della Pasqua, della Quaresima e di Halloween.

[ Romani 12:1, 2; Tito 2:11-13; 2 Corinzi 7:1; 1 Giovanni 2:15-17; Galati 5:16-26; 1 Corinzi 6:15-20; Colossesi 3:1-14; 1 Timoteo 4:12; 1 Pietro 1:13-16; Ebrei 4:14-16; Giovanni 14:13, 14; 1 Timoteo 2:1-8; 1 Tessalonicesi 5:17; Filippesi 4:6; Giacomo 5:14-16; 1 Giovanni 5:14; Matteo 6:9-13; Matteo 5:38-48; Luca 6:27-38; Romani 12:17-21; Giovanni 18:36; Matteo 26:51, 52; 2 Corinzi 10:3, 4; Giacomo 4:1; Genesi 14:18-20; 28:20-22; Proverbi 3:9; Malachia 3:8-10; Matteeo 23:23; 1 Corinzi 9:7-14; 2 Corinzi 9:6, 7; Ebrei 7:1-6; Genesi 7:1-3; Levitico 11:2-23, 46, 47; Deuteronomio 14:3-20; Atti 10:9-15, 27-29; Genesi 1:26-31; 2:7, 15; Isaia 45:18; Romani 8:18-23; 1 Corinzi 6:19, 20; 15:35-54; 2 Pietro 3:13; Apocalisse 5:10; 11:18; 21:1-4; 2 Corinzi 6:14-18; Geremia 10:2-10; Matteo 12:38-40; 28:1-6; Marco 8:31; 9:31; 1 Corinzi 10:18-22 ]

 

11. La Profezia

La profezia biblica preserva e rafforza la speranza del credente per il Secondo Avvento. Essa identifica le tendenze e gli eventi religiosi, sociali e politici, includendo la rinascita della nazione d’Israele, che punta all’imminente ritorno di Cristo e conseguente stabilimento dell’eterno Regno di Dio sulla terra. 

[ 2 Pietro 1:19-21; Luca 21:5-36; 2 Timoteo 3:1-7; Apocalisse 14:9-12; 18:4; Isaia 11:11, 12; Geremia 31:7-12; 32:37-44; Ezechiele 37:21-28; 38:8-16; Amos 9:11-15; Luca 21:20-24, 31; Salmi 102:16; Giovanni 14:1-3; Atti 1:7-11; 1 Tessalonicesi 4:16; Apocalisse 1:7; Matteo 25:31, 32; Marco 8:38; 13:32; Luca 17:22-37; Giobbe 19:25-27; Giovanni 5:28, 29; Atti 24:15; Apocalisse 22:12; 1 Tessalonicesi 4:16; 1 Corinzi 15:20-23, 51-53; 1 Pietro 1:5; 2 Pietro 2:9; 2 Timoteo 4:1; Apocalisse 5:10; 20:5, 11-15; Romani 6:23; Ezechiele 18:4, 20; Malachia 4:1-3; Giobbe 19:25-27 ]

 

12. Il Regno di Dio

Il Regno di Dio (Regno dei Cieli) è realizzato in tre fasi:

Il Regno Presente

Il regno spirituale di grazia esiste ora come governo di Dio nella vita dei credenti obbedienti. Questo regno fu annunciato e rivelato per mezzo dei profeti e il ministero del nostro Signore Gesù Cristo. Noi entriamo in questo regno quando ci volgiamo dal peccato per servire a Dio per mezzo della fede in Gesù Cristo.

Il Regno Millenniale di Cristo

Gesù ritornerà sulla terra in potenza e gloria per risuscitare i giusti morti, donare immortalita e vita eterna ai giusti risuscitati e viventi, vendicare i santi, ed essere glorificato in loro. Il suo regno terrestre di mille anni sarà un regno universale in cui tutti i principati, potenze e nemici sono vinti. Alla sua conclusione gli ingiusti saranno risuscitati per subire l'annientamento al giudizio del gran trono bianco.

Il Regno Eterno di Dio

Il Regno Eterno di Dio inizierà quando Gesù Cristo, avendo messo tutti i nemici sotto i suoi piedi, restituirà il regno al Padre. Dio dimorerà con i redenti in un nuovo cielo e una nuova terra dove nessun dispiacere, contaminazione, o morte può entrare e dove giustizia e pace prevarranno per sempre. 

[ Salmi 145:13; Matteo 3:2; 4:17; 12:28; Luca 17:20, 21; Colossesi 1:13; Apocalisse 20:4-6; Salmi 2:8-9; 1 Corinzi 15:21-28; Matteo 25:31-46; 13-40-43; 16:27; 2 Pietro 3:9-13; Apocalisse 6:12-17; 11:15-18; 20:7-15; 21:1-27 ]

Site Map